Celebrata la Giornata della Vita Consacrata

Nella Chiesa di Gretta, domenica 1 febbraio, e in Cattedrale per la Candelora, lunedì 2 febbraio, la diocesi ha celebrato la Giornata per la Vita Consacrata.

La celebrazione in diocesi della Giornata per la Vita Consacrata ha avuto due momenti. Lunedì 2 febbraio, in Cattedrale, la Vita consacrata è stata celebrata all’interno della Candelora, ossia della Festa della Presentazione di Gesù al tempio (la foto di Andrea Lasorte si riferisce a questo evento). Il giorno precedente, domenica 1 febbraio, la Vita consacrata è stata al centro della celebrazione vera e propria della Giornata che si è tenuta nella chiesa della parrocchia di Santa Maria del Carmelo a Gretta.

In questa occasione il Vescovo ha incentrato l’intero suo intervento proprio sulla Vita Consacrata. Egli ha ricordato che il Santo Padre Francesco ha assegnato a questo Anno della Vita Consacrata tre impegnativi obiettivi: guardare il passato con gratitudine; vivere il presente con passione; abbracciare il futuro con speranza. “Sono tre obiettivi – ha detto il Vescovo – di ampio respiro spirituale che richiamano tutta la Chiesa a ritrovare quell’elemento fondamentale che dà senso e spessore al trascorrere del tempio ecclesiale”. Qual è questo elemento fondamentale? La risposta l’ha data il Papa: “Per i Fondatori e le Fondatrici la regola in assoluto è stata il Vangelo, ogni altra regola voleva essere soltanto espressione del Vangelo e strumento per viverlo in pienezza. Il loro ideale era Cristo, aderire a lui interamente, fino a poter dire con Paolo: «Per me il vivere è Cristo».

Quella di Papa Francesco – ha aggiunto il Vescovo – è la prospettiva del Concilio Vaticano II che per descrivere la sequela di Cristo utilizza una serie di avverbi e di aggettivi che vale la pena di ricordare. Così la sequela di Cristo, tipica della vita consacrata, è descritta come letterale, radicale, più stretta, più libera, di forma totale, esclusiva, unica, piena, assorbente, massima, senza riserve, più somigliante allo stesso Cristo”.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *