Viva le donne che lottano per essere veramente donne

W le donne … un elenco di motivi per festeggiare non politicamente corretto

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne ingannate e spinte ad abortire da medici e consulenti che continuano a ben guardarsi dall’informarle pure delle devastanti conseguenze fisiche e psichiche dell’aborto stesso.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne che, realizzatesi in quanto tali come mamme, si vedono negare il diritto al mestiere di mamma, non ricevendo alcun aiuto quando antepongono l’accudimento dei figli al lavoro.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne costrette alla prostituzione, che pure si vorrebbe legalizzare.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne, mamme, emarginate e discriminate sul lavoro in quanto impegnate ad accudire figli ammalati o disabili.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne il cui utero viene sfruttato per quattro soldi al fine di produrre esseri umani fatti venire alla luce solo per soddisfare il capriccio e l’egoismo di qualcuno senza scrupoli.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne che in strada lottano per l’ “autogestione” del loro corpo e che poi sono pronte a concedersi pur di ricevere favori o posizioni lavorative.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne che ogni giorno in silenzio dedicano la loro esistenza per offrire amore e serenità nella loro famiglia, ai mariti ed ai figli.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne che rispettano sé stesse con il naturale senso del pudore, senza sentire il bisogno di mostrarsi per sentirsi realizzate.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne che per sentirsi libere, realizzate ed appagate non devono diventare praticamente come gli uomini.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte quelle donne che non si sono fatte ingannare da una vuota ideologia e che invece lottano insieme al loro uomo per prendersi cura l’uno dell’altro.

W le donne!

Ricordiamo oggi anche tutte le bambine mai nate, che non potranno mai diventare donne.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *