Trieste: neonato abbandonato e morto. Dichiarazione del Vescovo.

Di fronte al fatto dell’abbandono della piccola appena partorita da una minorenne, ci sentiamo tutti colpiti e sgomenti.

Di fronte al fatto dell’abbandono della piccola appena partorita da una minorenne, ci sentiamo tutti colpiti e sgomenti. A nulla sono valse le attenzioni delle persone sensibili che hanno soccorso la piccola e le premure dei medici del Burlo Garofolo.

Ci chiediamo come si possa sopprimere una vita dopo averla portata nel grembo. Vorremmo che questa giovane mamma si rendesse conto della gravità del gesto e chiedesse perdono alla sua piccola creatura alla quale ha rubato la vita.

Invito tutti alla preghiera. Dio autore della vita nos adiuvat.



Un commento su “Trieste: neonato abbandonato e morto. Dichiarazione del Vescovo.

  1. Anna ha detto:

    Serve una maggiore educazione verso gli adolescenti,insegnare loro che i rapporti intimi dovrebbero esser praticati dopo il matrimonio e comunque in età adulta.
    Inoltre mi chiedo dove sia il ragazzo con il quale la ragazzina sedicenne ha intrecciato un rapporto amoroso,perchè non se ne parla?E la famiglia della ragazzina dov’era?E’ troppo facile accusare sempre la donna,…dietro a una donna che abortisce per disperazione o che esegue gesti del genere,c’è sempre un UOMO che è il vero colpevole,…quindi cerchiamo di astenerci di commentare negativamente questa vicenda ..che è tremenda certo..ma dietro vi è una società che non funziona,gli adolescenti non credono più in DIO,fanno gli spavaldi,i “bulli”,…..discorso lunghissimo,mi fermo qui.Provo una pena immensa per quella piccola neonata trattata in quel modo,nuda e indifesa,gettata come un rifiuto,……ma provo anche pena per la ragazza bimba (perchè a 16 anni si è “bimbe” e non si può diventare madre)che si è trovata a sperimentare la gravidanza e il parto da sola così piccola e giovanissima,……bisogna indagare come sia rimasta incinta magari è stata violentata,chissà,….quindi non gettiamole fango addosso,…perdoniamo,se possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *