Poveri cattolici e cattolici poveri

Facciamo qualche nome di senatori “cattolici” che hanno detto sì alla legge Cirinnà e che certamente non ci rappresentano né ci rappresenteranno.

Ci sono i poveri cattolici, ridotti così male da essere traditi da quasi tutti i senatori sedicenti cattolici. E ci sono i cattolici poveri, quelli che hanno votato una turpe legge che contraddice le più elementari esigenze del bene comune, equipara due omosessuali alla famiglia, rimanda solo di qualche tempo l’adozione e la filiazione tramite utero in affitto. Chi sono costoro?

I cattolici del Partito Democratico si sono allineati a Re Renzi e alle sue ingiunzioni perentorie. Per Trieste è il caso del senatore Francesco Russo che ha votato sì alla Cirinnà. Grazie Senatore per aver contribuito all’approvazione di questa bella legge.

Il Nuovo Centro Destra è stato indecenteRenato Schifani e Pierferdinando Casini hanno votato a favore della Cirinnà, appellandosi addirittura a San Giovanni Paolo II. E’ stata scandalosa la loro strumentalizzazione del paragrafo 73 dell’enciclica Evangelium vitae. Si sono vantati di aver evitato una deriva antropologica contro natura e invece l’hanno accettata e vi hanno aperto le porte.

Il Nuovo Centro Destra era l’ago della bilancia, dopo la rottura dell’asse tra Partito democratico e Grillini. Certo, dato che Renzi aveva posto la fiducia, un loro voto contrario avrebbe fatto cadere il governo. Ma ancora una volta non se la sono sentita.
Che poi, non sono riusciti nemmeno a fare l’ago della bilancia, in quanto se non era per i deputati di Denis Verdini, la legge non sarebbe passata. Questi ultimi sono stati il vero ago della bilancia. Non solo insipienza morale, quella del Nuovo Centro Destra, ma anche insipienza politica.

Il Nuovo Centro Destra fa parte di Area Popolare. In Area Popolare Maurizio Sacconi e Roberto Formigoni sono usciti e non hanno votato. Atteggiamento pilatesco. Tra l’altro Sacconi e Formigoni continuano ad appoggiare il governo Renzi e siccome questi ha posto la fiducia, essi hanno pensato bene di defilarsi.

Democrazia Solidale – il gruppetto di cui fa parte anche Gianluigi Gigli, presidente del Movimento per la Vita – al Senato conta la presenza di Lucio Romano e Andrea Olivero, due cattolici doc. Il primo, infatti, è stato presidente di Scienza e Vita e il secondo è stato presidente delle Acli. Ebbene: tutti e due hanno votato per la Cirinnà.

Il gruppo di Democrazia solidale appoggia il governo, quel governo che ha strenuamente voluto questa legge, che non l’ha fatta passare in Commissione, che ha posto la fiducia su questioni etiche, che è intervenuto a gamba tesa con un maxiemendamento che ha bloccato il lavoro del Senato, che si prepara a varare un nuovo ddl per riconoscere l’adozione gay e che sta già pensando alla legge sull’eutanasia.

Si arriva così al gruppetto di cattolici raccolti dentro IDEA, il nuovo movimento di Quagliariello, Roccella, Augello e Compagna. In Senato Gaetano Quagliariello ha fatto un bellissimo discorso e ha votato no. Questi cattolici sono usciti da mesi dal governo separandosi dal Nuovo Centro Destra e ora hanno votato contro la Cirinnà. Onore al merito.

Al Family Day c’era il manifesto “Ci ricorderemo”. Ma per ricordarsi bisogna anche fare i nomi.

 



6 commenti su “Poveri cattolici e cattolici poveri

  1. salvatore porro ha detto:

    Amici, con i “cattolici-adulti” cioè adulterati, e con questa CHIESA DEGLI ULTIMI, prepariamoci alla prossima sconfitta per la Dottrina della Madre Chiesa e cioè:
    A) legge sull’approvazione dell’eutanasia,
    B) matrimoni dei sacerdoti,
    C) suore promosse a sacerdoti e vescovi.

    ATTENZIONE: non sono un visionario. Con tre vescovi e 23 sacerdoti incontrati a Medjugorje l’anno scorso aprile-maggio – giugno-luglio – , ho scommesso (loro, una messa per il mio Movimento, io,
    per loro un Rosario) che il DDl Cirinnà passava.
    Questa mattina mi hanno telefonato dicendomi: “Salvatore avevi visto giusto, rispettiamo la nostra promessa.!!!.

    Dio ci rassicura dicendoci di non temere: «Ti faranno guerra, ma non ti vinceranno, perché io sono con te per salvarti» (Ger 1,19).
    Se Dio è con Noi, chi sarà contro di noi? (Rm.8,31-39)
    Ad Jesum per Mariam
    Affidiamoci ai nostri tre protettori per eccellenza:
    Gesù, Giuseppe e Maria salvate Chiesa, Italia e la famiglia nostra.

    Trieste, 27 febbraio 2016

    Salvatore Porro
    Fondatore e presidente del
    Movimento Cattolico per la Famiglia e la Vita – Trieste.

    1. Franco De Iaco ha detto:

      E preparare laicamente un bel referendum abrogativo? Spiegando, senza insultare nessuno ed accettando in pace gli insulti, il disprezzo e la derisione che sono il modo di comunicare degli idolatri?

    2. mara ha detto:

      sono d’accordo con Salvatore

  2. giulia ha detto:

    Franco…e chi è che aveva insultato finora scusa?!!!

  3. stefano ha detto:

    Ma in merito all’articolo, vorrei capire se l’astensione in senato corrisponde veramente a votare no (sapete che in senato vige un regolamento differente che alla Camera). E’abbastanza importante questo per il giudizio su Formigoni e c.

  4. Claudia Herrath ha detto:

    E’ ormai diventata improrogabile la neccessita’ di creare un partito nel quale i cattolici possano sentirsi veramente rappresentati.Cosi’ i voti non andranno a caso un po’ qua ed un po’ la’.E cosa ancora piu’ importante si libereranno le parrocchie che oggi sono “ostaggio” di politicanti che “usano” la chiesa per raccogliere voti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *