La Madonna accolga sotto il suo manto tutti i bambini!

Ieri, lunedì 13 luglio, a Monte Grisa si è recitato il Rosario, fatta le processione e celebrata la Messa in onore della Madonna di Fatima. Appuntamento ogni 13 del mese fino ad ottobre.

Sono giunti in tantissimi ieri 13 luglio 2015 al Santuario di Monte Grisa per rendere omaggio e venerare la Madonna di Fatima.

Una folla di persone la cui fede ha riempito gli enormi spazi del Santuario, nei quali la presenza e la vicinanza della Madre Celeste si percepiva così forte che era quasi possibile sentirla al tatto.

La serata ha visto la partecipazione dell’Arcivescovo Crepaldi, accolto con un lungo ed affettuoso applauso, ed è cominciata con la recita del Santo Rosario, alternato oltre che in italiano, anche in sloveno, croato, rumeno e portoghese.

Si è pregato, con l’ispirata guida di Padre Luigi, per i bambini e gli anziani, perché tutti abbiano sempre cura ed attenzione per loro, attenzione che solo gli adulti possono dare; si è pregato anche per riscoprire, e far riscoprire, la voce della coscienza, e per l’importante compito di richiamare anche i fanciulli a quella coscienza che fa scoprire il bene e rifuggire il male. Ricordando come con la presentazione di Gesù al tempio la Madonna abbia offerto Gesù al Padre per dirgli “grazie”, Padre Luigi ha evidenziato l’importanza di dire sempre “grazie!”, che non solo ci fa più educati, ma ci rende anche più dolci e ci fa stare bene insieme. Nell’ultimo mistero gaudioso, ha ricordato come l’orizzonte di fronte al quale ci troviamo è Dio e come Gesù insegna la spiritualità più bella che c’è, ovvero quella di Nazareth: la semplicità della vita quotidiana che rende più bello tutto quello che abbiamo.

Dopo il Rosario si è mossa la processione, aperta dalla Croce e dalle bandiere di tanti Paesi, a memoria di tutti quelli che sono caduti per la loro terra ed a rappresentare l’anima dei popoli, senza distinzioni e senza portare rancori guardando al passato. Un modo per ricordare la richiesta della Madonna nell’apparizione del 13 luglio 1917, durante la quale ha esortato a recitare il Rosario per la pace nel mondo e la fine della guerra.

Un grande impegno per i portabandiera, che hanno fatto non poca fatica a resistere ai refoli del borino che ha cominciato a soffiare in serata.

Tenerissima l’immagine dei bambini, vestiti da pastorelli come i veggenti di Fatima, Francesco, Giacinta e Lucia.

La processione ha percorso il vicino bosco, illuminata dai pochi lumini che hanno resistito al vento ed accompagnata dai canti mariani.

Terminata la processione, l’Arcivescovo ha celebrato la Santa Messa, accompagnata con devozione dai canti di Fatima proposti dal gruppo corale.

L’Arcivescovo, nell’omelia, ha esaltato l’immagine delle bandiere che hanno aperto la processione, ricordando l’unione dei popoli in Cristo; «Vedendo questi deliziosi bambini vestiti da pastorelli – ha detto mons. Crepaldi – pensavo ‘come sarà il loro futuro?’, ed allora ho pregato la Madonna di allargare il suo mantello e di prendere tutti i bambini sotto la sua protezione perché possano crescere nella pace»; poi ha esortato a deporre sotto la statua della Madonna tutte le grazie che si hanno da chiedere per sé o per i propri cari, e di farlo senza timore, perché nei santuari la Madonna ascolta in modo particolare.

L’Arcivescovo ha infine chiesto alla Madonna la grazia di proteggere la Diocesi di Trieste, il popolo e le famiglie: «Fa’ che nel cuore di tutti passi la buona notizia del Vangelo, perché dove c’è Vangelo c’è futuro. Che la Madonna vi assista e vi benedica!».

Al termine della Santa Messa il saluto alla Madonna con il solenne canto originale di Fatima dell’”Adeus” e lo sventolio dei fazzoletti che ha regalato a tutti i presenti un’ultima grande emozione ed un bellissimo colpo d’occhio.

Il prossimo 13 agosto, e così il 13 di tutti i mesi fino ad ottobre, sempre a Monte Grisa, si ripeterà la serata di preghiera ed adorazione alla Madonna di Fatima.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *