Italia. Centinaia di migliaia di pillole abortive vendute ogni anno

Le studentesse delle medie e dei licei francesi avranno libero accesso alla cosiddetta “pillola del giorno dopo” direttamente a scuola grazie a un decreto del ministro della Salute Marisol Touraine che autorizza le ragazze a richiedere la pillola senza doversi sottoporre ad alcun colloquio psicologico. Cade così l’ultimo “paletto” del necessario incontro preventivo con l’infermiere, […]

Le studentesse delle medie e dei licei francesi avranno libero accesso alla cosiddetta “pillola del giorno dopo” direttamente a scuola grazie a un decreto del ministro della Salute Marisol Touraine che autorizza le ragazze a richiedere la pillola senza doversi sottoporre ad alcun colloquio psicologico.

Cade così l’ultimo “paletto” del necessario incontro preventivo con l’infermiere, che, a parere del ministro «rischiava di “intimidire” le ragazze e dunque di rendere nei fatti meno facilmente accessibile la pillola anticoncezionale».

Se in Francia va male in Italia è un vero proprio boom di pillola del giorno dopo. Ad un anno di distanza dalla determina dell’Agenzia italiana del farmaco che ha liberalizzato l’acquisto della pillola come semplice “farmaco da banco” senza il bisogno di ricetta medica, l’azienda farmaceutica HRA Pharma ha orgogliosamente annunciato di aver moltiplicato per dieci le vendite diventando leader di mercato.

Alberto Aiuto, General manager di HRA Pharma Italia – come riportato su www.quotidianosanita.it – ha infatti dichiarato tramite una nota la propria soddisfazione per i magnifici “risultati” raggiunti:

«Dai dati è emerso che nell’anno precedente alla determina Aifa, da maggio 2014 ad aprile 2015, EllaOne rappresentava il 6,8% del mercato della contraccezione d’emergenza, nell’anno successivo ha raggiunto il 53,8% con punte di oltre il 70% in alcune Regioni, con una crescita percentuale, per l’intero territorio nazionale, del 686,7. Va anche evidenziato che il trend di vendite della contraccezione di emergenza è rimasto sostanzialmente stabile con una media di 365mila confezioni annue vendute dal 2008 al 2015».

Trecentosessantacinquemila confezioni annue…

Oltre alla EllaOne, lo scorso 4 marzo 2016 si è aggiunto anche il farmaco analogo Norlevo, anch’esso declassato dall’Aifa a medicinale senza obbligo di prescrizione medica. I farmaci EllaOne e Norlevo spacciati per pillole anticoncezionali sono in realtà farmaci abortivi a tutti gli effetti.

Lo ha spiegato chiaramente a Tempi il ginecologo e bioeticista nonché presidente del Comitato Verità e Vita, Angelo Francesco Filardo: «È una presa in giro e lo sa bene chi è del mestiere: a cosa servirebbe frenare l’ovulazione dopo che il rapporto è già avvenuto e ovuli e spermatozoi si sono già incontrati? A nulla. È quindi evidente che la pillola funziona diversamente. (…) La EllaOne è (…) abortiva, perché impedisce all’embrione di vivere. Purtroppo c’è una disinformazione favorita anche dalle società italiane di ginecologia, dai medici e dagli scienziati che tacciono davanti alle menzogne antiscientifiche elargite dai media, con articoli pieni di menzogne scritti pure da studiosi e medici».

Il Dottor Filardo ha messo anche in guardia sugli spaventosi e ancora poco conosciuti rischi per quelle donne che fanno un uso ripetuto della pillola: «Sono gli stessi che può avere la Ru486. Non li si conoscono ancora tutti, ma sappiamo che la pillola abortiva ha già fatto 32 morti di cui siamo a conoscenza: il che non esclude l’esistenza di altre vittime. Oltre a incorrere in effetti collaterali spaventosi come quelli della Ru486, potrebbe provocare più aborti successivi alla stessa donna, alterandone la fisiologia in modo brutale».

Perché le nostre istituzioni pubbliche nascondo questi dati?

Forse il giro di miliardi messo in moto dalle case farmaceutiche vale più della vita di una sola persona? Più della vita del nascituro?

Fonte: http://www.generazionevogliovivere.it

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *