Ghouta orientale, così i ribelli stanno massacrando i cristiani

Esiste una storia dimenticata. Una storia che in questi giorni i quotidiani non stanno raccontando: il bombardamento diDamasco da parte dei ribelli della Ghouta orientale. Da più di due settimane, infatti, i jihadisti di Faylaq al Rahman, Tahrir al Sham e Jaysh al Islam stanno bombardando la capitale siriana, lasciando a terra parecchi morti, tra […]

Esiste una storia dimenticata. Una storia che in questi giorni i quotidiani non stanno raccontando: il bombardamento diDamasco da parte dei ribelli della Ghouta orientale. Da più di due settimane, infatti, i jihadisti di Faylaq al Rahman, Tahrir al Sham e Jaysh al Islam stanno bombardando la capitale siriana, lasciando a terra parecchi morti, tra cui anche molti bambini. Su Twitter i jihadisti hanno diffuso anche alcune immagini dei missili che hanno lanciato contro la città.
Rana, che vive in centro a Damasco, ci racconta: “I missili dei ribelli ci colpiscono da ogni direzione. È dal 2012 che ci bombardano e noi non abbiamo altra scelta se non quella di rimanere. Dove potremmo andare? Il nostro lavoro, le nostre case e la nostra terra sono qui. Non lasceremo mai le nostre terre ai terroristi”. Molti pensano che la guerra stia per finire, che dopo la battaglia nella Ghouta orientale i ribelli verranno spazzati via, ma per Rana tutto questo sarà possibile solamente quando “gli Stati stranieri, come gli Usa, smetteranno di aiutare i terroristi”.
Youssef ha da poco perso tre amici. I ribelli li hanno centrati con un colpo di mortaio: “La maggior parte delle persone qui è abbastanza coraggiosa – ci dice – da continuare a sorridere. Oggi, nonostante la morte di tre amici, sono riuscito a ridere tre volte. Questo accade perché la vita non si può fermare”. E poi continua: “Quelli che stanno soffrendo di più oggi sono i cittadini siriani, da qualunque parte si trovino. Ed è per questo che bisogna porre fine a questa folle guerra”.
Il racconto dei cristiani
Ma è padre Amer Kasser a mettere in guardia l’Occidente: “Solamente ieri ci sono stati 13 morti e 75 feriti a Damasco. Nella Ghouta orientale ci sono tanti gruppi jihadisti. Tutti i media parlano di ciò che succede lì e nessuno di ciò che sta accadendo qui. A colpirci sono quelli che voi chiamate ribelli e che pensate siano angeli venuti dal cielo. Per i vostri media è solo il regime ad uccidere i civili. Le nostre zone, quelle cristiane, si trovano in prima linea e i colpi dei mortai jihadisti colpiscono le nostre chiese. Poche settimane fa una ragazza di 15 anni è stata uccisa mentre usciva da scuola e una sua amica ha perso una gamba”.
Suor Yola, delle missionarie del Cuore Immacolato di Maria di Damasco, ci spiega: “Non abbiamo dormito tutta la notte. Dalle 2 alle 5 ci sono state continue esplosioni. Circa un mese fa era tutto tranquillo, sembrava quasi che la guerra fosse finita. Tranne che a Bab Touma, dove comunque continuavano a piovere missili. Dopo l’arrivo dell’esercito i lanci dei missili sono però aumentati. I missili ci terrorizzano perché provocano enormi esplosioni”. Una settimana fa, la situazione è però peggiorata: “I ribelli hanno infatti colpito Jaramana provocando molti morti”.
A Bab Touma è stato colpito anche Lias, di otto anni. I suoi genitori hanno lottato per anni prima di averlo, poi però i missili dei ribelli lo hanno portato via con un colpo di mortaio. “Ora Bab Touma è il posto più pericoloso. Due settimane fa dovevo andare lì e sono partita molto presto per cercare di evitare i missili. Sono stata fortunata: poco dopo la mia partenza i ribelli hanno lanciato 11 missili. Era un vero e proprio incubo”.
Don Munir, sacerdote salesiano di Damasco, ci racconta: “Nelle ultime due settimane sono aumentati i missili provenienti dalla Ghouta orientale. Cercano di colpirci negli orari in cui i ragazzi escono da scuola e in cui le persone vanno al lavoro per fare più morti possibili. La città è paralizzata. E questo è il loro obiettivo: rendere tutto triste”.
Ma il prete è chiaro: “L’esercito deve liberare la Ghouta perché non è la prima volta che i ribelli ci costringono a fermare ogni attività in città. Quante volte i ribelli hanno provato ad entrare a Damasco? È dovere del governo siriano, come ha spiegato il rappresentante all’Onu Bashar Jaafari, fermare gli islamisti: ‘Se avete un parco nel centro di Parigi che è pieno di jihadisti, cosa fai?’ Tutti parlano dei 400mila civili della Ghouta, ma nessuno parla degli 8 milioni di cittadini a Damasco. L’esercito deve difendere i nostri figli”.
Mentre stiamo finendo la conversazione, don Munir ci ricorda: “Molto di quello che è stato raccontato sulla Siria in questi anni è stato manipolato. Perché nessuno ci chiede cosa sta accadendo qui? Vi prego, raccontate solamente ciò che stiamo vivendo da sette anni a questa parte”.
di Matteo Carnieletto Gian Micalessin
Fonte: http://www.occhidellaguerra.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *