Germania: servizi segreti scoprono “talpa” islamista

All’apparenza un “bancario” e “padre di famiglia”, in realtà un infiltrato islamista nei servizi segreti interni tedeschi (BfV). Lo Spiegel racconta una storia che mette i brividi: un 51enne tedesco di origine spagnola è stato arrestato con l’accusa di essere una talpa islamista nel controspionaggio della Germania. Secondo le indiscrezioni filtrate fino a questo momento, […]

All’apparenza un “bancario” e “padre di famiglia”, in realtà un infiltrato islamista nei servizi segreti interni tedeschi (BfV).

Lo Spiegel racconta una storia che mette i brividi: un 51enne tedesco di origine spagnola è stato arrestato con l’accusa di essere una talpa islamista nel controspionaggio della Germania.

Secondo le indiscrezioni filtrate fino a questo momento, l’uomo avrebbe passato informazioni sensibili agli ambienti islamisti che lo avevano reclutato, per preparare un attentato dinamitardo nella sede dei servizi a Colonia. Sul caso indaga la procura di Dusseldorf.

Secondo il numero uno dell’intelligence interna dell’BfV, Hans-Georg Maaßen, “siamo evidentemente di fronte ad un caso in cui una persona si è radicalizzata senza essere rilevato, all’interno del suo stesso ambiente”.

L’uomo si sarebbe convertito all’Islam fondamentalista per telefono, parlando con un predicatore e reclutatore salafita di Berlino, che al momento combatte in Siria con ISIS.

Il sospetto era stato assunto dalla agenzia di intelligence nazionale ad aprile e assegnato alla sorveglianza delle l’attività delle cellule islamiste in Germania.

“Come ogni agenzia di intelligence, la BfV è oggetto di tentativi di infiltrazione da parte dei servizi segreti stranieri, estremisti e terroristi. Questo è il motivo per cui noi, come agenzia di sicurezza, dobbiamo essere particolarmente vigili”, ha detto Maaßen.

Il 51enne postava contenuti inneggianti allo Stato islamico su una chat estremista. L’uomo avrebbe già fornito una parziale confessione sull’accaduto.

di Bernardino Ferrero

Fonte: https://www.loccidentale.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *