Gender, lezione choc alle elementari: “Matrimonio gay tra due bimbi”

Nella scuola elementare di Poggetto, frazione di San Pietro in Casale (Bologna) scoppia la polemica sull’ideologia gender: “Hanno fatto simulare matrimoni gay tra bambini”

Due maschietti di fronte ad un immaginario altare, il fatidico sì e poi (forse) pure il bacetto gay.
A Poggetto, piccola frazione in provincia di Bologna, scoppia la polemica dopo la denuncia di alcune mamme, i cui figli hanno raccontato a casa di lezioni a dir poco particolari che le maestre avrebbero imposto alle loro classi.
Sono almeno tre i bimbi che hanno trovato il coraggio di raccontare quanto sarebbe successo mercoledì scorso in una terza elementare dell’Istituto Comprensivo di San Pietro in Casale: un vero e proprio matrimonio omosessuale, benedetto dalle maestre. “Abbiamo verificato e le versioni sulla simulazione dell’unione gay combaciano”, racconta Sara, nome di fantasia di una esponente (che vuole rimanere anonima) del gruppo #insiemepossiamo, nato per combattere la diffusione delle teorie gender nelle scuole locali.
Se tre indizi fanno una prova, le testimonianze degli scolaretti dovrebbero bastare per montare un caso. Potrebbe trattarsi di una bugia inventata dal comitato, direte. Difficile, visto che oggi è arrivata la conferma via Facebook di una mamma non iscritta al movimento. “Il gender a scuola di mia figlia ha già prodotto i suoi primi effetti – scrive Silvia Claudia Rossi – In classe spesso giocano a fare i matrimoni fra loro. Ieri ho saputo che finalmente hanno celebrato il primo matrimonio gay fra due maschietti! Con relativo bacio degli sposini”.
Non è facile la vita in Emilia Romagna per chi vorrebbe avere “pieni diritti” nella scelta educativa dei bambini. “Quest’anno – racconta l’esponente di #insiemepossiamo – abbiamo già dovuto lottare contro lo spettacolo teatrale Fa’afafine, che racconta la storia di un ragazzo né maschio né femmina, e contro un festival della letteratura dove regalavano libri sull’identità sessuale”. Si tratta di un “assedio ideologico”, dicono. E in effetti la battaglia è serrata. “Siamo bombardati. In paese ci sono alcune maestre che spingono per realizzare attività scolastiche di quel tipo”.
In difesa dei genitori anti-gender si è schierato “senza se e senza ma” il consigliere regionale di Forza Italia, Galeazzo Bignami: “I bimbi che simulano matrimoni omosessuali a scuola – dice – sono l’effetto dello schifo che portano i sinistrati nelle scuole”. Il forzista vuole mettere in guardia da iniziative che “distruggono la Famiglia”. “Sono dei vigliacchi che, grazie a pseudo-insegnanti ideologicamente complici e frustrati nel loro fallimento mentale, usano come cavie i bambini, più che mai indifesi in queste situazioni. L’unico antidoto è l’intelligenza del buon senso. Qualcuno nelle sedi opportune deve rispondere di questo scempio”.
Chissà quanti bambini al mondo hanno simulato matrimoni sognanti con i propri amici o amichette. E anche Poggetto non è da meno. Mai, però, era successo che si facessero convolare a nozze due maschi. E di certo non sotto eventuali “pressioni” delle docenti. “I nostri piccoli non possono essere forzati a fare queste cose – conclude Sara – Questa è una vera e propria violenza”.
di Giuseppe De Lorenzo
Fonte: http://www.ilgiornale.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *