Fatti di quotidiana oppressione

L’arroganza e l’oppressione della nuova ideologia imperante dilagano. Il  Sindaco di Roma,  Ignazio Marino, su pressione di gruppi 5 stelle e SEL, ha tolto la disponibilità della sala per il 3 dicembre in Campidoglio, assegnata da tempo all’ associazione Famiglia Domani, che aveva organizzato un convegno sull’ideologia Gender. Il convegno è stato annullato e l’associazione […]

L’arroganza e l’oppressione della nuova ideologia imperante dilagano. Il  Sindaco di Roma,  Ignazio Marino, su pressione di gruppi 5 stelle e SEL, ha tolto la disponibilità della sala per il 3 dicembre in Campidoglio, assegnata da tempo all’ associazione Famiglia Domani, che aveva organizzato un convegno sull’ideologia Gender. Il convegno è stato annullato e l’associazione organizzatrice, insieme all’Associazione Famiglie Numerose Cattoliche, ai Giuristi per la Vita e al Movimento europeo per la Difesa della Vita, hanno organizzato una conferenza stampa per lunedì 2 dicembre per denunciare questo ed altri episodi di intolleranza ideologica nei confronti di tutti coloro che intendono difendere pubblicamente la famiglia naturale.

La Corte Suprema dell’Ohio, negli Stati Uniti d’America, ha confermato il licenziamento di un insegnante cristiano, John Freshwater, per essersi rifiutato di togliere la Bibbia dalla sua scrivania. All’inizio di quest’anno i dirigenti scolastici gli avevano ordinato di rimuovere tutti i riferimenti religiosi dalla sua classe tra cui un poster sui 10 comandamenti e la sua Bibbia personale. I suoli legali son ricorsi alla Corte suprema che ora ha confermato il licenziamento.

I dirigenti della tv pubblica norvegese, asserendo proteste da parte di spettatori di fedi diverse da quella cristiana, hanno costretto la presentatrice Kristine Saellmann a rimuovere la piccolissima croce di pietre nere che da qualche tempo portava al collo mentre conduceva un tg regionale.

Ormai fatti di questo genere avvengono quotidianamente. Quando cominceremo a preoccuparci veramente?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *