Comunicato della Curia diocesana

NOTA   Con riferimento all’articolo apparso sul quotidiano locale il giorno 6 luglio, sono state lette con profondo rammarico le dichiarazioni del sac. Piero Ruffato che ha tra le sue mani due lettere del Vescovo diocesano le quali, qualora volesse rendere pubbliche, chiarirebbero bene il senso e il valore della complessa vicenda relativa alle proposte […]

NOTA

 

Con riferimento all’articolo apparso sul quotidiano locale il giorno 6 luglio, sono state lette con profondo rammarico le dichiarazioni del sac. Piero Ruffato che ha tra le sue mani due lettere del Vescovo diocesano le quali, qualora volesse rendere pubbliche, chiarirebbero bene il senso e il valore della complessa vicenda relativa alle proposte di suo trasferimento.

 

La Curia diocesana



4 commenti su “Comunicato della Curia diocesana

  1. Sara ha detto:

    la disubbidienza e le incompremsioni vengono dal diavolo si sà…..preghiamo perchè tutti i pastori della ns.diocesi restino in ubbidienza al ns. vescovo e quindi alla chiesa

  2. serena ha detto:

    sono pienamente d’accordo

  3. fg ha detto:

    Magari sarebbe opportuno che la Curia rendesse pubbliche le lettere del Vescovo. Così che i cristiani e la città intera possano vedere di che pasta sono fatti questi preti a la page, così osannati dai media e dalla gente che piace, tutta solidarietà e lavoro in periferia.

  4. fulvia ha detto:

    Non conosco bene don Ruffato, ma mi ha sempre fatto un’ottima impressione: non certo quella di un prete contestatore.
    Se ben ricordo, nell’articolo del quotidiano c’era scritto che lui non era momentaneamente a Ts e quindi tutti quei pettegolezzi( perché solo di pettegolezzi si tratta)sono del tutto gratuiti e maliziosi. Evidentemente c’è solo un gran desiderio di scoprire scandali sulla Chiesa, indifferentemente di che genere, purchè si attacchino preti o vescovi. Ma chi di spada ferisce, di spada perisce e una lingua velenosa non fa altro che degradare la professionalità di quel giornalista .
    Fulvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *